(+39) 055-489597 oppure (+39) 055-4620117 cedit@cedit.org

Per le interviste del Cedit è la volta di Fabio D’Addona, titolare e socio della Elettro D di Lavoria, in provincia di Pisa, azienda con cui l’agenzia formativa ha avuto modo di organizzare un’attività di crescita del proprio personale dipendente.

Fabio, di che cosa si occupa Elettro D?

La nostra azienda si occupa di installazione di impianti elettrici, come allarmi fotovoltaici, impianti di videosorveglianza, automazione e in generale impianti elettrici civili e industriali.
Il nostro target comprende il privato, la pubblica amministrazione e le aziende.
Operiamo da vent’anni e proprio nel 2023 celebriamo il nostro ventennale. Lavoriamo in ottica di risparmio energetico ed energie rinnovabili ormai dal 2007 installando impianti fotovoltaici in Italia servendo le piccole, medie e grandi imprese, quindi spaziamo dal civile – come può essere un’abitazione – all’azienda. In questo senso abbiamo circa 5 megawatt di impianti installati.
Attualmente realizziamo anche impianti fotovoltaici a terra per investitori da 3 o 4 megawatt, oppure per le comunità energetiche.

Il mese scorso abbiamo parlato con Monica Baldini, che ha avviato per conto del Cedit un corso di benessere aziendale da Elettro D. Come è nata la necessità di aderire a un progetto del genere?

Questa necessità è nata da un’esigenza personale mia e di Simone – che è mio fratello e socio di Elettro D – ovvero quella di pensare sì alla nostra attività, ma anche puntare il focus sulle persone, su chi fa gli impianti, cioè noi, che componiamo la nostra squadra. Di conseguenza il benessere aziendale per noi è fondamentale: ci crediamo, crediamo nella cultura del benessere, crediamo nel miglioramento costante e continuo. E quindi facciamo costantemente formazione.
Monica Baldini in questo caso si è occupata di fare intanto un’analisi dello stato, di capire il livello di benessere aziendale; ha intervistato tutti i dipendenti e grazie a queste interviste sono emerse alcune cose su cui lavorare.
Questo lavoro ci aiuta nello specifico a gestire alcune problematiche, ma anche a generare più felicità, più positività nei riconoscimenti e nei premi, nonché un’organizzazione positiva, appunto, laddove dove ci sono delle mansioni chiare, sul chi fa cosa. È un’organizzazione strutturata e consapevole di questo benessere.

Ci sono stati dei vantaggi nell’azienda a seguito degli incontri con Baldini e con Cedit?

I vantaggi ci sono stati e sono anche monitorabili: Monica Baldini ci ha sottoposto dei questionari su varie tematiche, i quali misurano l’andamento di ogni aspetto dell’azienda. Nel tempo monitoriamo e vediamo quest’andamento con dei grafici. Siamo in grado di misurare anche il benessere aziendale.
Inoltre abbiamo aderito ad altri progetti di formazione, per esempio di natura tecnica.
Negli anni abbiamo affrontato tante tipologie di formazione diverse, perché crediamo veramente nel valore della formazione, nella crescita personale e professionale in azienda. Questo ci permette di crescere come valore e come valori.

All’interno dell’azienda, infatti, riteniamo che i valori siano una cosa molto importante. Ecco perché cerchiamo di portare positività all’interno dell’azienda.

Non solo: cerchiamo di avere un impatto anche all’esterno, cercando di aiutare nel sociale, facendo delle attività fuori dall’azienda in ambiti che possono beneficiare della nostra presenza, il tutto nella direzione delle società B Corp (società “Benefit Corporation”, ovvero società che mirano alla sostenibilità etica e ambientale, oltre che quella prettamente aziendale, ndr).