(+39) 055-489597 oppure (+39) 055-4620117 cedit@cedit.org

Safety Bike

Safety Bike

IL PROGETTO

Il progetto SAFETY BIKE è un  progetto finanziato con le risorse del Fondo Sociale Europeo e nell’ambito di Giovanisi, il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani. Rientra nella finalità  “Sostegno alla creazione e al consolidamento delle imprese didattiche” .

Capofila del progetto è l’ Istituto Professionale G. MARCONI di  Prato  in partenariato con l’agenzia Formativa CEDIT S.c.r.l – Firenze.

FINALITA’ DEL PROGETTO

L’obiettivo specifico del progetto di impresa didattica SAFETY BIKE è favorire l’occupazione dei giovani destinatari del biennio dell’Istituto Marconi di Prato, attraverso lo sviluppo di soft skills indispensabili per avvicinarsi con maggiori probabilità di successo al mondo del lavoro.

Le soft skill sono le competenze più trasferibili e sono indice di maturità in relazione a sé stessi, agli altri, al lavoro.

Nel dettaglio le attività dell’impresa didattica riguarderanno in tutte le sue fasi la riparazione meccanica ed elettrica di biciclette abbandonate e l’installazione su bici tradizionali di kit elettrici e la vendita dei mezzi ricondizionati attraverso il canale del commercio e marketing digitale.

ATTIVITÀ

  • Incontri preparatori con i 24 studenti selezionati per svolgere attività di orientamento iniziale finalizzato ad illustrare il progetto, il percorso formativo, obiettivi del percorso
  • 3 laboratori di impresa didattica di ore 72 che saranno accompagnati da docenti, tutor didattici e tutor di supporto

PARTECIPANTI

Il progetto è rivolto a 24 alunni del biennio dell’Istituto Marconi indirizzo Manutenzione e Assistenza tecnica, divisi in 3 gruppi da 8 allievi.


DOCUMENTI IMPORTANTI DA SCARICARE

    Sport 4.0 Rafforzare le competenze dei lavoratori di HT&Sporteams

    Sport 4.0 Rafforzare le competenze dei lavoratori di HT&Sporteams

    Fonte Finanziamento: FART – invito 1-2021

    IL PROGETTO

    Il Progetto Sport 4.0 ? Rafforzare le competenze dei lavoratori di HT&Sporteams in chiave 4.0? rivolto a 2 imprese, HT Value srl e Sporteams srl, che operano nel campo dello sviluppo di soluzioni di digitalizzazione per lo Sport dilettantistico e giovanile con focus sul mercato delle Asd e dello Sport 4.0, è la naturale prosecuzione del precedente GOSPORT! finanziato sull’avviso 1/2019 di Fondartigianato

    OBIETTIVI

    SPORT 4.0 prevede l’approfondimento e l’acquisizione di nuove e migliori competenze professionali ai diversi livelli aziendali (amministrativi, commerciali, sviluppatori software) con l?obiettivo di ottimizzare il lavoro quotidiano in termini di controllo di gestione e incrementare le soluzionitecnologiche offerte alla clientela, la customizzazione dei servizi e le pratiche di gestione pre e post-vendita.

    Nello specifico i moduli previsti sono:

    • Percorso 1: Strategie di pricing nel controllo di gestione
    • Percorso 2: Gestione CRM 4.0
    • Percorso 3: Full Stack Developing

    DESTINATARI

    I destinatari del progetto sono i dipendenti delle aziende beneficiarie

     

     


    DOCUMENTI IMPORTANTI DA SCARICARE

      FLUENCY – Rafforzamento competenze linguistiche per la competitività del Sistema Confartigianato

      FLUENCY – Rafforzamento competenze linguistiche per la competitività del Sistema Confartigianato

      IL PROGETTO

      Il progetto FLUENCY risponde ad un FABBISOGNO DIRETTO delle organizzazioni coinvolte afferenti al sistema Confartigianato di Massa-Carrara (CONFARTIGIANATO MS, G.S.C. S.C., NEWCOSER SRL) che svolgono attività e servizi rivolti specificatamente al comparto artigiano e alle PMI.

      Attualmente, al fine di assicurare ai propri associati le prestazioni necessarie a sostenerli nella ripresa post-pandemia, tali organizzazioni necessitano di migliore le capacità (chiave/trasversali) di comunicazione in lingua inglese al fine di incrementare le competenze (tecnico-professionali) di erogazione di servizi di internazionalizzazione e digitalizzazione offerti ai propri associati.

      OBIETTIVI

      Il progetto  FLUENCY  è finalizzato a migliorare, nei partecipanti, le capacità relazionali e di comunicazione in lingua inglese per rafforzare la competitività dell’ intero sistema migliorando, in particolare:

      • l’internazionalizzazione del sistema a livello internazionale (partecipazione a progetti, attività e tavoli di lavoro, ecc.);
      • la gestione efficace della trasformazione digitale interna e dei servizi rivolti ai propri associati.

      Le attività formative specifiche sono le seguenti:

      1. NOZIONI BASE DI LINGUA INGLESE (24 ore, 1 ed. rivolte a n. 10 lavoratori)
      2. INGLESE PER L?INTERNAZIONALIZZAZIONE D?IMPRESA (32 ore, 1 ed. rivolte a n. 10 lavoratori)
      3. INGLESE PER LA GESTIONE DELLA DIGITALIZZAZIONE (40 ore, 1 ed. rivolte a n. 10 lavoratori)

       

      DESTINATARI

      Il destinatari del progetto sono operatori amministrativi e tecnici che operano presso le organizzazioni del sistema Confartigianato di Massa Carrara: CONFARTIGIANATO MS, G.S.C. S.C., NEWCOSER SRL

       


      DOCUMENTI IMPORTANTI DA SCARICARE

        Progetto JBSE: Reinventing Job shadowing in Europe for educators in the VET Sector to meet the Challenges of the “New Normal”

        Progetto JBSE: Reinventing Job shadowing in Europe for educators in the VET Sector to meet the Challenges of the “New Normal”

        L’epidemia di Covid-19 sta generando importanti conseguenze sia a livello economico che sociale. Tra gli impatti negativi, si registrano le difficoltà da parte degli enti di istruzione e formazione professionale (IFP) a guardare positivamente il futuro nell’ottica dell’apprendimento e a preparare i propri studenti ad accedere al mondo del lavoro.

        Occorre dunque ricercare soluzioni e sviluppare metodologie innovative per poter fronteggiare le nuove sfide poste dal Covid-19. Nell’ambito del Jobshadowing, ad esempio, dovrebbero essere promossi nuovi strumenti e approcci tali da “migliorare la pertinenza e l’efficacia dell’insegnamento attraverso il pensiero critico” (Poulet, 2019). Su questo, Trzeciak ha affermato che “il job shadowing può rafforzare le competenze del personale e instaurare una cooperazione a lungo termine”.

        L’analisi dei bisogni che è stata realizzata dal nostro partenariato mostra che, sebbene il 78% dei fornitori di IFP del nostro campione d’indagine offra normalmente l’opportunità di Job Shadowing per il proprio personale docente, l’80% invia regolarmente meno di 5 membri del personale ogni anno. Inoltre, tutte le organizzazioni che abbiamo interpellato, a causa della pandemia, hanno sospeso le esperienze di Job Shadowing. Molti degli intervistati sostengono, inoltre, che potrebbe volerci un po’ di tempo prima di ricominciare a realizzare nuovamente Job Shadowing in presenza e che il numero iniziale di partecipanti sarà probabilmente inferiore rispetto a quello precedente l’emergenza sanitaria.

        Abbiamo cercato di indagare l’opinione del personale IFP nei confronti di esperienze virtuali o miste riscontrando un loro interesse positivo: il 64% di formatori e insegnanti afferma che sarebbe disposto a prendere parte a un Job Shadowing virtuale o misto, sebbene solo il 44% ritenga di avere le competenze digitali necessarie per trarne vantaggio.

        L’obiettivo principale del nostro progetto è reinventare il Job Shadowing in Europa per gli educatori nel settore dell’IFP così da affrontare le sfide della “nuova normalità” attraverso la progettazione e realizzazione di una serie di materiali pedagogici innovativi ed interattivi che saranno:

        1. Una guida e dei modelli pedagogici innovativi per la realizzazione di esperienze di job shadowing in presenza, remote e miste.
        2. Quattro moduli di apprendimento interattivi, ciascuno improntato su una metodologia pedagogica adattata per massimizzare i vantaggi del job shadowing e facilitare il miglioramento delle competenze digitali degli educatori dell’IFP. Nello specifico quattro moduli riguarderanno:
        • “Preparazione per il job shadowing”
        • “Massimizzazione dei benefici durante il periodo di affiancamento al lavoro”.
        • “Valorizzazione del job shadowing”,
        • “Ospitare educatori IFP per job shadowing transnazionale virtuale, misto, di persona.

        I materiali prodotti saranno testati nei 4 paesi dei partner di progetto (Germania, Francia, Italia, Svezia) e vedranno il coinvolgimento di almeno 16 organizzazioni esterne e di 32 educatori IFP. Il progetto si rivolgerà a tutte le tipologie di educatori IFP e verranno sviluppate sinergie con educatori di altri settori, come l’istruzione scolastica e l’istruzione superiore.

        Le risorse JBSE saranno basate sul digitale, open-source, scaricabili dal sito web di JBSE e disponibili in 5 lingue. Consentiranno agli educatori dell’IFP di elaborare e utilizzare risorse di apprendimento digitale innovative e pertinenti ad accesso remoto, misto o in presenza per i loro studenti. Tali risorse,  incoraggeranno inoltre il miglioramento delle competenze digitali degli educatori. Il progetto aumenterà la consapevolezza del programma Erasmus+ e dei vantaggi della mobilità internazionale per condividere le migliori pratiche con i colleghi di altri paesi.

        Come ha affermato JL Mutte  “Il job shadowing può trarre vantaggio dai progressi delle tecnologie digitali e diventare una costante di buone pratiche educative attraverso scambi a distanza e mobilità fisica”. Il progetto JobShadowEur mira a dare un contributo significativo a questo processo.

        Per seguire il progetto e per le notizie aggiornate sul progetto , fare clic sul collegamento sotto :


        DOCUMENTI IMPORTANTI DA SCARICARE

          Progetto DSKILTI: Addressing the challenges of COVID19 to develop Key Digital Skills for VET Staff & Trainees for Innovative Transnational Work-based Learning & Internships

          Progetto DSKILTI: Addressing the challenges of COVID19 to develop Key Digital Skills for VET Staff & Trainees for Innovative Transnational Work-based Learning & Internships

          PROGETTO

          Contesto

          L’Europa sta affrontando la sua più grande minaccia dopo la Seconda guerra mondiale. La pandemia innescata dal COVID-19 sta generando importanti conseguenze economiche sia sul piano economico che sociale, mettendo in discussione pratiche consolidate evidenziandone allo stesso tempo l’importanza di sviluppare competenze e strumenti digitali al fine di trovare soluzioni innovative per affrontare le nuove sfide nel continuare a offrire opportunità di apprendimento transnazionale basato sul lavoro (TWBL) nel settore dell’IFP.

          L’apprendimento basato sul lavoro è una delle aree principali delle politiche europee in materia di IFP. Obiettivi e priorità sono sottolineati all’interno di strategie e iniziative, come la strategia di crescita Europa 2020, il quadro strategico ET 2020 e l’agenda Nuove competenze e lavori.

          Prima dell’inizio della pandemia, le difficoltà riscontrate dai tirocinanti nell’assicurare l’apprendimento basato sul lavoro all’estero sono state sollevate alla “Conferenza sul futuro dell’istruzione e formazione professionale” a Helsinki, dall’11 al 13 novembre 2019. Questo è stato identificato come un grave problema che ora è diventato ancora più problematico, e attualmente non esistono soluzioni adeguate. Il rapporto “Divario digitale durante COVID-19 per gli studenti IFP a rischio in Europa” (CEDEFOP, giugno 2020) ha evidenziato il divario di competenze digitali per gli studenti dell’IFP e le sfide uniche causate dalla pandemia. Ha inoltre sottolineato l’importanza fondamentale di garantire una cooperazione continua “a livello scuola-impresa” al fine di garantire la continuità della formazione.

          C’è quindi un divario tra i requisiti dei tirocinanti e dei datori di lavoro, che crea un circolo vizioso. I tirocinanti hanno bisogno di opportunità di apprendimento basato sul lavoro per ottenere un lavoro e le aziende hanno bisogno di futuri dipendenti con qualifiche ed esperienza lavorativa. C’è una chiara e identificabile necessità di aiutare i tirocinanti a trovare opportunità all’estero e convincere i datori di lavoro a fornire le opportunità richieste dai tirocinanti poiché l’elemento transnazionale apporta valore aggiunto a una domanda.

          L’apprendimento transnazionale basato sul lavoro prevede tradizionalmente un tirocinante che lavora fisicamente in un’azienda in un altro paese. Il COVID19 ha drasticamente ridotto le mobilità transnazionali e ha portato a restrizioni di viaggio, creando così la necessità di soluzioni innovative per continuare a fornire opportunità adeguate per i tirocinanti se la mobilità fisica non è possibile.

          Affinché ciò avvenga, i tutor e i tirocinanti dell’IFP richiedono maggiori competenze digitali e una maggiore conoscenza più approfondita degli strumenti digitali per contribuire efficacemente ad individuare aziende che offrano la possibilità di lavorare da remoto.

          Le aziende devono essere consapevoli delle possibilità di usufruire di esperienze di apprendimento transnazionale basato sul lavoro in modalità ibrida o da remoto e dei vantaggi che queste modalità potrebbero apportargli, ospitando un tirocinante di un altro paese.

          Obiettivi

          L’obiettivo principale del nostro progetto è affrontare queste sfide per lo sviluppo di competenze digitali chiave per il personale e i tirocinanti coinvolti in esperienze transnazionali innovative di apprendimento basato sul lavoro. Il progetto vede la partecipazione di di 6 paesi dell’UE e l’elaborazione di tre risultati:

          1. Una metodologia pedagogica rivolta ai fornitori di istruzione e formazione professionale (IFP) per facilitare il miglioramento delle competenze digitali del personale IFP e dei tirocinanti in un contesto come quello provocato dalla pandemia legata al COVID-19.
          2. Moduli di apprendimento interattivi per il miglioramento delle competenze digitali per consentire ai tutor VET di creare e adattare i propri possedere risorse di apprendimento digitale per soddisfare le esigenze digitali dei propri tirocinanti in un contesto come quello provocato dalla pandemia legata al COVID-19.
          3. In terzo luogo, svilupperemo tutorial di apprendimento interattivi per i tirocinanti per sviluppare le competenze digitali chiave richieste dalle aziende ospitanti durante TWBL misto e remoto in un contesto COVID19.

          Con molti tirocinanti che attualmente lavorano da casa, questo diventa ancora più importante, soprattutto per i fornitori di IFP più piccoli, privi di risorse per svilupparne di propri materiali.

          In questo modo, miriamo a proporre soluzioni innovative per affrontare le sfide della pandemia COVID19 e delle esigenze di apprendimento digitale di tutor e tirocinanti VET per opportunità TWBL innovative appropriate.

          Testeremo i nostri risultati in studi pilota in 6 paesi, con oltre 30 aziende ospitanti e tirocinanti. Il progetto soddisferà tutte le categorie di discenti dell’IFP con particolare attenzione ai bisogni di coloro che provengono da situazioni socioeconomiche svantaggiate e con meno probabilità di prendere parte a TWBL. Le risorse digitali di DSKILTI saranno open-source e scaricabili dal sito Web DSKILTI e disponibili in 6 lingue. Consentiranno ai fornitori di IFP di offrire TWBL di alta qualità ai loro tirocinanti e possono essere adattati alle esigenze di specifici gruppi target.

          Impatto

          Gli impatti saranno su sei livelli:

          • Miglioramento delle competenze digitali dei tutor dell’IFP, incoraggiando così lo sviluppo di un apprendimento digitale innovativo.
          • Sviluppo delle competenze digitali dei tirocinanti e preparazione alle esigenze del posto di lavoro
          • Incoraggiare l’adozione di TWBL misti e remoti a disposizione dei tirocinanti e affrontare le sfide del COVID-19
          • Aumentare la consapevolezza delle aziende dei vantaggi dell’hosting di tirocinanti tramite TWBL misto e remoto
          • Aumentare il numero di aziende pronte ad ospitare tirocinanti e quindi incrementare le opportunità a disposizione dei tirocinanti
          • Aumentare la soddisfazione e il valore aggiunto delle parti coinvolte.

           


          DOCUMENTI IMPORTANTI DA SCARICARE